Criteri di valutazione comuni

Criteri di valutazione specifici per ciascuna disciplina vengono elaborati dai Consigli di Materia e richiamati poi nel Piano di lavoro di ciascun insegnante. Programmazioni disciplinari e Piani di lavoro individuali sono a disposizione di studenti e famiglie, pubblicati sul sito dell'Istituto.

Per la religione cattolica, la valutazione non è espressa in voti da 1 a 10, ma mediante giudizi sintetici.

Premesso che viene privilegiata la valutazione formativa, che considera e misura i progressi formativi tenendo conto della situazione di partenza, della motivazione, dell'impegno e, soprattutto, delle potenzialità di apprendimento dimostrate.

I criteri di valutazione comuni degli apprendimenti agli scrutini intermedi sono:

  • Media dei voti, risultante da un congruo numero di verifiche riconducibili alle diverse tipologie indicate nelle singole Programmazioni disciplinari.
  • Partecipazione all’intero processo di apprendimento proposto dalla DDI con attività in presenza e a distanza, anche tramite lo sviluppo di competenze digitali
  • Impegno e costanza nello studio individuale, anche come forma di recupero di eventuali periodi di irregolarità nello svolgimento della normale attività didattica.
  • Elaborazione di un metodo di lavoro autonomo, personale e produttivo.

I criteri di valutazione comuni degli apprendimenti agli scrutini finali sono:

  • Media dei voti, risultante da un congruo numero di verifiche riconducibili alle diverse tipologie indicate nelle singole Programmazioni disciplinari.
  • Partecipazione all’intero processo di apprendimento proposto dalla DDI con attività in presenza e a distanza, anche tramite lo sviluppo di competenze digitali
  • Impegno e costanza nello studio individuale, anche come forma di recupero di eventuali periodi di irregolarità nello svolgimento della normale attività didattica.
  • Elaborazione di un metodo di lavoro autonomo, personale e produttivo.
  • Progressi in itinere, con riferimento anche agli esiti delle verifiche di recupero delle insufficienze del I quadrimestre.
  • Possibilità di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto propri delle diverse discipline.

I parametri di valutazione del comportamento vengono integrati con la responsabilità di fronte alla situazione di emergenza per la tutela di sé e degli altri e la disponibilità a lavorare correttamente, individualmente o in gruppo, anche nei momenti in cui, come nella didattica a distanza, non possa esserci il controllo diretto del docente.

Trasparenza e tempestività della valutazione

Caratteristiche della valutazione di ogni attività svolta in presenza o a distanza devono essere la tempestività e la trasparenza. Il voto sarà assegnato, in caso di prova orale, entro la giornata in cui questa stessa si è svolta, con la compilazione del registro elettronico. Nel caso di prove scritte o grafiche entro le 3 settimane successive allo svolgimento o alla consegna della prova, sempre attraverso registro elettronico.