Criteri di valutazione degli apprendimenti

 

Criteri di valutazione degli apprendimenti per le singole discipline

Criteri di valutazione specifici per ciascuna disciplina vengono elaborati dai Consigli di Materia e richiamati poi nel Piano di lavoro di ciascun insegnante.

Programmazione disciplinare e Piani di lavoro individuali sono a disposizione di studenti e famiglie, pubblicati rispettivamente su questo sito alla pagina "Programmazione".

Per la religione cattolica, la valutazione non è espressa in voti da 1 a 10, ma mediante giudizi sintetici.

Criteri di valutazione degli apprendimenti negli Scrutini intermedi

  • Media dei voti, risultante da un congruo numero di verifiche riconducibili alle diverse tipologie indicate nelle singole Programmazioni disciplinari.
  • Partecipazione al processo di apprendimento.
  • Impegno e costanza nello studio individuale.
  • Elaborazione di un metodo di lavoro autonomo, personale e produttivo.
  • Per gli alunni stranieri NAI si privilegia la valutazione formativa, che considera e misura i progressi formativi tenendo conto della situazione di partenza, della motivazione, dell'impegno e, soprattutto, delle potenzialità di apprendimento dimostrate.

Criteri di valutazione degli apprendimenti negli Scrutini finali

  • Media dei voti nelle singole discipline, risultante da un congruo numero di verifiche (almeno tre) e come stabilito dai dipartimenti disciplinari. SOLO PER L'ANNO SCOLASTICO 2019/2020: Media dei voti nelle singole discipline, risultante da un congruo numero di verifiche (almeno due, come stabilito in deroga dai dipartimenti disciplinari nelle assemblee tenutesi nel mese di marzo 2020, alla luce dell’emergenza sanitaria. 
  • Impegno e costanza nello studio individuale.
  • Acquisizione di un metodo di lavoro autonomo, personale e produttivo.
  • Progressi in itinere, con riferimento anche agli esiti delle verifiche di recupero delle insufficienze del I quadrimestre. 
  • Possibilità di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto propri delle diverse discipline.
  • Per gli alunni stranieri NAI si privilegia la valutazione formativa, che considera e misura i progressi formativi tenendo conto della situazione di partenza, della motivazione, dell'impegno e, soprattutto, delle potenzialità di apprendimento dimostrate
  • Nel regime straordinario della Formazione e della Didattica a Distanza la formulazione e l’assegnazione della valutazione terrà conto, oltre che dei contenuti di apprendimento e delle competenze specifiche della disciplina, anche dell’espressione di competenze trasversali (in particolare dalla n. 4 alla n. 7 della griglia delle Competenze Chiave Europee) con la possibilità di dare maggior peso a ciò che può valorizzare il singolo alunno.

Tali criteri possono subire modifiche e/o integrazioni, che verranno tempestivamente comunicate agli studenti e alle famiglie.